Gnocchi di patate viola con funghi trifolati

Gnocchi di patate viola con funghi trifolati.
Nella realizzazione degli gnocchi ho utilizzato
la Farina 2 che e’un buon compromesso per chi non vuole passare direttamente all’integrale.
E’conosciuta anche come farina semi-integrale. Personalmente la consiglio in quanto mantiene buone caratteristiche nutrizionali ed è più facile da utilizzare rispetto alla farina integrale.
gnocchi di patate viola con funghi trifolati

Ingredienti

  • 500 g di patate viola( vitellotte)
  • 100 g di farina Azienda Agricola Valentini
  • 1 uovo
  • 300 g di funghi champignon
  • Aglio
  • Olio
  • Vino bianco q.b.

Procedimento
Gnocchi di patate viola con funghi trifolati.

Innanzitutto lessate le patate.I tempi possono variare in base alla dimensione delle patate quindi verificate la cottura infilzandole con una forchetta.

Lasciatele raffreddare non completamente e schiacciatele in un contenitore,versate all’interno la farina,l’uovo e un pizzico di sale,amalgamate con le mani,versate l’impasto su una spianatoia e aiutatevi con la farina a creare i cilindri.img_3372
Tagliate a tocchetti e con una forchetta o con lo rigagnocchi create gli gnocchi con tutto l’impasto .
gnocchi di patate viola
Passiamo a cuocere i funghi in una padella antiaderente insieme a l’olio,l’aglio,sale,pepe e prezzemolo,lasciate sfrigolare,aggiungete il vino bianco e fate cuocere con il coperchio semiaperto a fiamma moderata.
Quando avranno raggiunto la cottura desiderata spegnete.
Infine cuocete gli gnocchi in acqua salata e conditeli con i funghi.
Per la crema al formaggio:sciogliete 50 g di burro fuso, mescolate 40 g di farina,50 g di parmigiano,sale e pepe.
Portate il pentolino sul fornello e mescolate fino a che si sara’ creata una crema omogenea .
La crema la formaggio arricchira’e dara’al piatto una consistenza cremosa.
Componete il piatto partendo con la crema al formaggio, poi adagiate gli gnocchi conditi con i funghi.
Approfondimento:
Le patate vitellotte e’ una varietà originaria del Perù, scarsamente coltivata nel resto del mondo,probabilmente a causa della ridotta capacità produttiva della pianta.
L’utilizzo in cucina è uguale ad una patata normale,ma posso garantirvi che danno quel tocco di colore ai piatti che è piacevole anche a livello visivo.

Enjoy con Lucy!!

Precedente Torta alle bacche di goji e gocce di cioccolato Successivo Macine alla panna e farina di farro

Lascia un commento

*